Cambio di rotta

I Misteri intorno a noi nel mondo alla deriva

di Enrico Galimberti

“CIUDAD DEL CARMEN – [g.g.] Non erano Ufo, ma semplici (seppur rare) manifestazioni atmosferiche chiamate fulmini globulari. È il resoconto degli studi, condotti dagli scienziati della Universidad Nacional Autonoma de Mexico (UNAM), relativi all’avvistamento di oggetti non identificati avvenuto nei cieli messicani di Ciudad Del Carmen lo scorso 5 marzo. «Gli Ufo – ha spiegato Rafael Navarro dell’Istituto de Investigaciones Nucleares – erano in realtà bolle sferiche di gas ionizzato con bassa densità e di elettroni, e con temperature superiori ai trenta mila gradi: esse si propagano in maniera orizzontale, si dissolvono al contatto con oggetti, e sono riconducibili ai fulmini globulari». In quell’occasione l’equipaggio di un Merlin C26 delle forze aeree messicane aveva affermato di aver notato nel cielo diversi puntini viaggiare a 100 chilometri all’ora per accelerare fino a 600 in due secondi e poi sparire: un incontro testimoniato da molti abitanti della zona e soprattutto dalle registrazioni e dai tracciati radar. Il governo stesso non aveva negato la stranezza dell’accaduto. Le registrazioni tra l’equipaggio del velivolo e la torre di controllo erano state consegnate al comandante in capo delle forze messicane Clemente Vega Garcia.”

(tratto da un quotidiano)

Sempre la solita storia. Insomma, ci siamo abituati alla disinformazione e a tutte le forme di stoicismo che vorrebbero annichilire il nostro pensiero di fronte alla possibilità e alla contemporanea impossibilità di certi eventi. Dubbio=impossibilità di discernere il vero.

Pur tuttavia siamo stanchi. Stanchi di essere presi per i fondelli. Stanchi di essere pilotati dall’informazione controllata da interessi che vanno ben oltre la politica (basta con il circo dei pagliacci che si offendono e si inventano storia e verità in nome delle ideologie obsolete e fuorvianti!)

A noi, come più volte ho avuto modo di dire, non occorrono i tg per avere le prove dell’esistenza degli ufo. Per noi è pacifico, quanto ammettere che sulla nostra epidermide vivono miliardi di invisibili parassiti buoni e cattivi.

Che i mass media ci parlino di bolle sferiche di gas ionizzato o ci dispaccino balle sferiche di dimensioni patologiche la Verità è una.

E’ forse il caso di scendere anche noi ricercatori di frontiera sulla Terra, perché i più grandi Misteri riguardano Noi, e non gli alieni; perché i più grandi complotti e la maggiore disinformazione derivano dalla politica, dalle religioni, dall’eterna lotta alchemica fra il bene e il male.

Mentre milioni di italiani si insultano e si minacciano su temi quali “la guerra in Iraq” “la politica di Bush” “Governo e Opposizione”, proprio questi italiani dimenticano che forse, come insisto da anni, le divergenze sono tanto apparenti e costruite, da tenerci impegnati a sventolare bandiere in piazza e a non capire MAI i veri motivi di quel che ci accade.

Lancio un appello a tutti i ricercatori, ma soprattutto (e il cerchio si restringe in modo apocalittico) ai LIBERI pensatori, quelli che se ne infischiano di partiti e giochi di potere,e vogliono capire cosa accadrà domani a noi, ai nostri figli, che lingua parleremo, che religione potremo liberamente professare o saremo costretti ad abiurare sotto minaccia di sgozzamento e decapitazione.

Occupiamoci dell’Uomo, della sua storia ampliata dall’esistenza e dal ruolo di fratellanze cosmiche, delle religioni mondiali, delle turpitudini di chi vende l’anima al demonio chiamandolo con il nome di Dio. E lasciamo stare le crociate, le inquisizioni. Gli insegnamenti dagli errori li abbiamo tutti appresi. Oggi è in atto qualcosa che a mio parere non è solo politico, ma determinato da forze, destini e necessità che le profezie millenarie hanno da tempo ricondotto alla nostra Era.

Occupiamoci di noi, della nostra società. Apriamo gli occhi.

La Verità, caro Mulder, è molto vicina ed è qui, accanto a noi. Non la vedi? Beh, forse perché non hai mai dato un’occhiata intorno a te…

Enrico Galimberti, Direttore Acam.it