Gli Illuminati e i significati dell’euro

di Sigismondo Panvini www.panvini.com

Gli Illuminati di Baviera sono una setta  fondata il primo maggio del 1776 in Germania da Adam Weishaupt , ma la sua origine sembra essere assai più antica,forse di millenni .

Anche se ufficialmente sciolta  nel 1784, molti autori attestano la sua influenza nel mondo della politica e dell’economia,in maniera sotterranea, fino ai nostri giorni.
Anche non si chiamano più “Illuminati di Baviera”, quelli che oggi lavorano nell’ombra  manovrando le economie del pianeta, sono membri di una elite, che portano avanti il medesimo obiettivo:il controllo mondiale a tutti i costi .

L’occhio dentro la piramide : rappresentazione figurata del ‘Punto dentro il cerchio, è il simbolo degli Illuminati, Tale simbolo è  il gerogramma del Sole e del dio Horus (figlio di Iside e Osiride) che ritroviamo connesso all’antico culto  degli Yezidi (accusati di adorare il diavolo).

I simbolismi dell’Ordo Illuminatorum, sono  presenti nella banconota americana da un dollaro.

La proposta di stampare il suggello degli Illuminati sul dollaro americano fu fatta dai presidenti  americani Benjamin Franklin, John Adams e Thomas Jefferson.

Il suggello fu impresso sul dollaro nell’anno 1933 per ordine del presidente Teodoro Roosevelt, massone del 32° grado.

Esso  si compone di una piramide tronca sul cui vertice figura un triangolo con all’interno un occhio;  la piramide  è formata da 72 mattoni , disposti su 13 strati di pietre  .

 Nel bagliore a forma di cerchio sopra l’aquila vi sono 13 stelle, anche le strisce sullo scudo sono 13.

Nell’artiglio destro dell’aquila è stretto un ramo d’olivo con 13 rami e 13 olive.

Con l’artiglio sinistro l’aquila tiene 13 frecce.

La scritta ‘E Pluribus Unum’, che significa dalla molteplicità si arriva all’unità, è formata da 13 lettere.

La scritta ‘Annuit Coeptis’, che significa ‘La divinità ha acconsentito’  contiene 13 lettere.

La scritta ‘The Great Seal’ (Il Grande Suggello), sotto il cerchio che racchiude la piramide, si riferisce alla fusione tra le culture sumere ed egizie.

L’iscrizione ‘Novus ordum seclorum’ significa, ‘Nuovo ordine mondiale’.

La data MDCCLXXVI (1776), inscritta alla base della piramide, è l’anno in cui Jean Adam Weishaupt fondò l’Ordine degli Illuminati.

Anche il conio italiano da un euro riporta una straordinaria simbologia esoterica: l’Uomo Vitruviano disegnato nei primi anni dell’ultimo decennio del XV secolo.

Si tratta di un disegno di 34,3 x 24,5 cm di Leonardo da Vinci.

“La sovrapposizione degli arti orientati in modo diverso e simmetrico, rappresenta l’idea che l’uomo sia la misura dello spazio e del tempo.

L’idea dell’uomo nudo con le braccia aperte chiuso all’interno di un cerchio, non fu un’invenzione leonardesca. Furono i codici medievali a tramandare l’immagine dell’’homo’ così raffigurato e circondato dai simboli che rappresentano  gli elementi dell’universo.

Questa illustrazione delle corrispondenze fra microcosmo e macrocosmo possiede precise implicazioni astrologiche e astronomiche, come quelle splendidamente miniate nelle ‘Très riches heures’ del duca di Berry, dove ad ognuno dei segni zodiacali corrisponde una parte del corpo umano.

“Non si può fare a meno di ricordare che fra le fonti di ispirazione di Leonardo fu il notissimo  Liber divinorum operum  miniato per illustrare le visioni di Ildegarda di Bingen, la mistica tedesca nata nel 1098.

“Anche qui troviamo corrispondenze astrali fra l’uomo-microcosmo e l’universo contenuto dalle figure di Cristo e di Dio Padre. Ildegarda segna con dei raggi stilizzati l’influenza del Sole sulla testa e della Luna sui piedi, rifacendosi alla dottrina che teorizzava l’influsso dei pianeti sull’uomo. Le sfere dell’universo sono tutte rappresentate: dal cielo azzurro percorso dalle nubi fino al firmamento, alle stelle fisse, alle acque cosmiche su su fino al cerchio di fuoco che cinge l’intero cosmo. A produrre il movimento delle sfere sono i venti, secondo la concezione caldaica. Quel che interessante notare, è il fatto che Ildegarda non si limita a indicare genericamente una corrispondenza fra macro e microcosmo, sia pure affidata a efficaci illustrazioni. La mistica tedesca, infatti, individua nell’identità del rapporto proporzionale il dato oggettivo che giustifica la stretta relazione fra l’universo e l’uomo. Spiega Ildegarda: ‘Con le braccia e le mani tese ai lati del torace, l’altezza della figura umana coincide con la sua larghezza, proprio come l’altezza del firmamento è uguale alla sua larghezza’.

Ildegarda studiò a lungo il comportamento sessuale della donna e fu molto legata spiritualmente a Bernardo di Chiaravalle, mentore e ispiratore dei cavalieri Templari e del culto della Madonna nera.

“Il disegno di Leonardo è ‘figlio’ di questo lungo percorso. Leonardo individua nel testo di Vitruvio la sua fonte primaria. Due figure antropometriche: il celebre ‘homo ad quadratum’ nel terzo libro del De architectura e l’’homo ad circulum’, vengono da Leonardo sintetizzate in un’unica immagine. Grazie alla conoscenza che la metà anatomica del corpo umano corrispondeva al pube,:’il membro virile nasscie nel mezo dell’omo.

Ritroviamo pertanto nella moneta italiana da un euro una straordinaria simbologia , vitruviana e cabalistica.