IL NUOVO PAPA 2005

Era prevedibile l’elezione del nuovo Pontefice?

di Luciano Sampietro

Cari amici di ACAM,

come avete potuto constatare, la soluzione dell’enigma posto dalle due quartine da me proposta non è stata confermata dai fatti e il nuovo Pontefice è Josef Ratzinger.

Non è ovviamente la prima volta che sbaglio e non sarà certamente l’ultima, poiché l’enigmistica delle Centurie è estremamente ardua e complessa e spesso, quando si ritiene di essere giunti alla soluzione corretta, si scopre poi con sconcerto di aver preso una cantonata.

Rispetto a qualunque altro studioso o se dicente tale delle Centurie, ho sempre cercato di offrire al lettore soluzioni e non interpretazioni, percorrendo un cammino logico e non arbitrario, sì da porre chi legge nella condizione di percorrere lo stesso cammino. Questo perché le Centurie obbediscono alle regole del “linguaggio verde”, cioè il modo criptico di esprimersi degli alchimisti, che, da iniziati e quindi capaci di padroneggiare gli strumenti enigmistici, dovevano essere in grado di comprendere secondo un criterio oggettivo e non soggettivo. Tutto il resto è arbitrio e soggettività, come lo è sempre l’interpretazione, che è fondata sul personale sentire dell’uomo.

Il problema che l’elezione del nuovo papa poneva era innanzitutto quello di identificare le quartine di riferimento tra le quasi mille delle Centurie, facendo presente a chi non conosca le Centurie che le quartine sono collocate nell’opera senza alcun criterio cronologico o ordine, ma miscelate fra loro in un guazzabuglio di episodi riferibili ai più disparati periodi storici.

Sotto tale profilo ritengo di aver esattamente individuato le due quartine di riferimento (la V, 92 e la V, 46) ed, anzi, posso affermare senza tema di smentita di essere stato il primo in assoluto al mondo ad aver risolto l’enigma dei cinque papi che i primi due versi ponevano, giungendo non solo a individuarli ma a determinare anche l’età del nuovo papa al terzo verso.

Quello che mi ha attratto sul nome del cardinale Cé, infatti, è stato l’aggettivo “conforme” che avrebbe potuto implicare una soluzione enigmistica di sottrazione letteraria, come scritto nell’articolo precedente. Tant’è che lo scorso anno scrissi che Giovanni Paolo Secondo sarebbe morto entro il mese di giugno e ciò in quanto il cardinale Cé aveva all’epoca 78 anni. Passato il 2004 e con il 2005, invece di andare a identificare un altro nominativo, ho pensato che “de mesme temps” potesse avere diverso significato, così come scritto nel precedente articolo, in ciò confortato anche dal termine “sabino” usato dal Veggente nella quartina V, 46, che ben si coniugava con il cardinale Cé.

Sarebbe stato possibile individuare la figura del cardinale Ratzinger?

Posso subito osservare che a tale fine non soccorre né il motto “De gloria ulivi” né l’appellativo “sabino”, perché entrambi fanno riferimento al nome che il nuovo Pontefice si è dato, cioè a Benedetto. Infatti i Benedettini vengono chiamati anche “Olivetani” ed hanno l’ulivo nel loro stemma con la scritta PAX. San Benedetto, pur essendo nativo di Norcia, passò la sua quasi intera esistenza nella Sabina, dove si ritirò da eremita per lunghi anni a meditare e dove fondò numerosi monasteri. La V, 46 pertanto serve solo per svelare il grave evento che subirà Roma sotto il regno di questo Pontefice ad opera dei terroristi islamici (chiamati albanois perché provenienti dall’oriente, dove sorge il sole e da non confondersi con l’aggettivo albanese, che indica invece, come in italiano, gli albanesi).

Pertanto, per identificare il nuovo pontefice soccorre la sola quartina V, 92, che ci avrebbe potuto indicare innanzitutto l’età del nuovo pontefice, cioè 78 anni, il che avrebbe consentito di individuare solo i seguenti nominativi:

1)      Baum (U.S.A.) 21/11/1926

2)      Caccavillan (Italia) 14/8/1926

3)      Carles Gordò (Spagna) 24/9/1926

4)      Jaworski (Ucraina) 21/8/1926

5)      Lustiger (Francia) 16/9/1926

6)      Martinez (Spagna) 31/3/1927

7)      Medina Estevez (Cile) 23/12/1926

8)      Suarez Rivera (Messico) 9/1/1927

9)      Wamala (Uganda) 15/12/1926

10)   Ratzinger (Germania) 16/4/1927

Quindi una rosa di soli dieci nomi, tra cui scegliere. A questo punto si sarebbe potuto anche considerare l’ultimo verso “des Romains non … trop conforme”. Sul piano lessicale non posso che ribadire come l’aggettivo conforme regga anche in francese il dativo, salvo in un caso limite che è quello matematico, dove il conforme di una determinata figura geometrica è una figura che ha lo stesso rapporto tra le distanze e l’ampiezza degli angoli; la conformità rientra a sua volta nel più ampio genere delle affinità. In tal caso sia in italiano che in francese si usa dire “il conforme di”.

Il parametro della non troppa conformità avrebbe allora consentito di escludere dall’elenco dei cardinali settantottenni quelli di origine latina, la cui lingua è abbastanza conforme all’italiano e quindi Cacciavillan, Carles Gordò, Lustiger, Martinez, Medina Estevez, Suarez Rivera, restando quindi soltanto Baum, Jaworski, Wamala e Ratzinger. Ma il Veggente non scrive “del tutto difforme” ma “non troppo conforme”, volendo con ciò significare che, comunque, quel pontefice avrebbe avuto con i Romani una certa, sia pur moderata affinità: Ratzinger è tedesco della Baviera e quella regione comunque fece parte dello Stato Romano fin dai tempi di Augusto e comunque esiste ancor oggi un fortissimo legame politico tra Italia e Germania, visto che entrambe fanno parte dell’Unione Europea, il che ci consente di escludere Baum, Wamala e Jaworski in quanto “del tutto difformi” rispetto agli italiani, non avendo i tre stati di provenienza mai fatto parte dello Stato Romano e non avendo essi all’oggi alcun legame particolare con l’Italia.

La V, 92, dunque, avrebbe potuto portare, se correttamente risolti gli enigmi che conteneva, a individuare il  nuovo Pontefice: avrei dovuto fare maggior attenzione al criterio dell’età, che pur avevo individuato e ragionare sul significato del “non troppo conforme”, ma, come si suol dire, del senno del poi…