Incendi ed Acqua in Francia

di Luciano Sampietro

Qualche tempo fa ho avuto modo di commentare la quartina III, 3  (Marte e Mercurio uniti con l’argento – a mezzogiorno estrema siccità, – fondo d’Asia si dirà in scotimento,- Corinto ed Efeso in perplessità), osservando come la congiunzione astrologica di Luna, Marte e Mercurio faccia riferimento ai giorni  18, 19, 20 luglio del 2004, quando i tre astri si troveranno tutti in Leone. In quei giorni, dunque, il mezzogiorno d’Europa dovrebbe essere funestato da una grave siccità.

Come purtroppo abbiamo avuto modo di constatare quest’estate, alla siccità si sono accompagnati gli incendi che hanno percorso la nostra penisola da nord a sud, opera di sconsiderati piromani o di speculatori senza scrupoli.

Il fenomeno, tuttavia, non è stato caratteristico della sola Italia, anche il sud della Francia (e in particolare la Provenza) sta subendo proprio in questi giorni una terribile devastazione dal fuoco appiccato in più punti e che, alimentato dal vento, sta distruggendo migliaia di ettari di bosco.

Siccità e incendi prima e alluvioni poi: lo straripamento dei torrenti nell’alto Friuli ha causato seri danni a vari paesi ed interrotto vitali vie di comunicazione. L’acqua torrenziale non ha nemmeno risparmiato la Francia, che a più riprese ha vissuto momenti di grave emergenza.

Francia e Italia, sotto tale profilo, hanno avuto dunque quest’anno un destino comune: siccità, morti per la calura, incendi di boschi e foreste, straripamenti di fiumi per le piogge torrenziali.

In sintonia con la quartina III, 3, che prevede per il prossimo anno una siccità peggiore di quella che ci ha afflitto nell’anno corrente, Nostradamus descrive con chiara visione cosa succederà il prossimo anno nella Francia sud occidentale nella quartina VIII, 2:

  • Condom ed Aux, ed intorno a Mirande:
  • dal ciel le vedo dal fuoco attorniate,
  • Sole e Marte in Leone, poi Marmande,
  • Tempeste, in Garonna mura crollate.

La congiunzione di Sole e Marte in Leone sarà dal 23 luglio al 17 agosto 2004 ed indica pertanto un periodo di tempo perfettamente coincidente con quella della quartina III, 3.

Nel luglio dell’anno prossimo, pertanto, le cittadine di Condom, Aux e Mirande, tutte situate nell’Alta Normandia saranno circondate dal fuoco degli incendi appiccati ai boschi circostanti. Il fuoco poi accerchierà anche Marmande, in Aquitania (Distretto Lot et Garonne).

Al fuoco subentreranno poi violenti temporali, che faranno straripare la Garonna le cui acque faranno crollare mura e case.

Dovrebbe trattarsi di un evento di estrema gravità, in quanto il Veggente, di solito, non si sofferma su calamità naturali, quali terremoti, inondazioni o uragani, perché in tal caso le Centurie avrebbero un’ampiezza cento volte superiore e va detto che anche negli anni che seguiranno le onde e i flutti avranno un ruolo determinante nella nostra quotidiana esistenza, ma saranno ascrivibili alla scellerata condotta dell’uomo, trovando per questo spazio nei versi delle quartine.