NEW! Scoperto in Israele un massiccio monumento di pietra di 5000 anni

(c) di Owen Jarus, collaboratore di Live Science fonte>>

Adattato in Italiano da Enrico Galimberti – (c) non riproducibile su altri siti senza permesso

About 8 miles (13 kilometers) northwest of the Sea of Galilee, a newly identified crescent-shaped monument was built about 5,000 years ago. Credit: Image Copyright DigitalGlobe, courtesy Google Earth
About 8 miles (13 kilometers) northwest of the Sea of Galilee, a newly identified crescent-shaped monument was built about 5,000 years ago.
Credit: Image Copyright DigitalGlobe, courtesy Google Earth

Un monumento di pietra a forma di luna crescente datato 5.000 anni fa è stato individuato in Israele.

Situato a circa 8 miglia (13 km) nord-ovest del Mare di Galilea, la struttura è massiccia il suo volume è di circa 14.000 metri cubi (quasi 500.000 metri cubi) e ha una lunghezza di circa 150 metri (492 piedi)più di un campo di football americano. Le ceramiche rinvenute presso la struttura indicano una datazione per il monumento fra il 3.050 a.C. e il 2.650 a.C., il che significa che è probabilmente più antico delle piramidi d’Egitto. Inoltre è stato costruito molto prima di Stonehenge.

Gli archeologi precedentemente pensavano che la struttura fosse parte di un muro della città, ma recenti lavori effettuati da Ido Wachtel, uno studente di dottorato presso l’Università Ebraica di Gerusalemme, mostra che non c’è città accanto ad essa e che la struttura è un monumento indipendente.

L’interpretazione proposta per il sito è che esso costituiva un punto di riferimento importante nel suo paesaggio naturale, che serviva a manifestare proprietà e per affermare l’autorità e il diritto sulle risorse naturali da parte di una popolazione rurale o pastorale locale.”  Così Wachtel ha scritto nella sintesi di una relazione del recente Congresso Internazionale di Archeologia del Vicino Oriente Antico.

La forma a mezzaluna della struttura si è distinta nel paesaggio, come Wachtel ha scritto a Live Science. La forma può aver avuto importanza simbolica, dato che la falce lunare è un simbolo di un antico dio mesopotamico della luna chiamato Sin.

Un’antica città chiamata Bet Yerah (che si traduce in casa del dio della luna“) si trova a solo un giorno di cammino dal monumento a forma di mezzaluna, come Wachtel ha osservato. Come tale, il monumento può aver contribuito a segnare i confini della città. Sebbene il monumento si trovi nel raggio d’azione della città è comunque troppo lontano per essere un efficace fortificazione.

Struttura massiccia

La struttura misura circa 150 metri (492 piedi) di lunghezza e 20 m (66 piedi) di larghezza alla sua base, ed è conservata ad una altezza di 7 m (23 piedi), secondo le misurazioni di Wachtel.

La stima di giorni lavorativi investiti nella costruzione del sito è tra i 35 mila giorni minimo e 50.000 giorni massimo,” ha detto Wachtel.

Se la stima più bassa è corretta, significa che una squadra di 200 antichi lavoratori avrebbe avuto bisogno di più di cinque mesi per costruire il monumento, un compito che sarebbe stato difficile per le persone che dipendevano da coltivazioni per il loro sostentamento. “Dobbiamo ricordare che le persone erano obbligate per la maggior parte dell’anno all’agricoltura“, ha detto Wachtel.

Bet Yerah

All’epoca in cui questo monumento venne costruito, il sito di Bet Yerah distava sole 18 miglia (29 km).

Bet Yerah era una grande città con una pianta a griglia e un sistema di fortificazioni, secondo uno studio dettagliato pubblicato nel 2012 nella Rivista di Archeologia del Vicino Oriente. I suoi abitanti commerciavano con i primi re d’Egitto, come si è visto da diversi manufatti, tra cui una brocca con iscrizione geroglifica.

Il nome Bet Yerah indica che è stata associata al dio della luna. Tuttavia, è incerto se la città in realtà portasse questo nome già 5000 anni fa. Nell’articolo del 2012, i ricercatori hanno dichiarato che il nome di “Bet Yerah” è stato registrato nei testi rabbinici di 1500 anni fa ma potrebbe risalire a molto prima.

Paesaggio megalitico

Sono state trovate non lontano dal monumento a forma di mezzaluna altre strutture rocciose di grandi dimensioni. Una struttura, denominata Rujum el-Hiri, sulle alture del Golan (una zona ad est del Mare di Galilea) e dispone di quattro cerchi con un tumulo al centro. La data di questa struttura è questione di dibattito; una recente ricerca condotta dall’archeologo Mike Freikman con l’Università Ebraica di Gerusalemme, suggerisce che potrebbe precedere la struttura a forma di mezzaluna di diversi secoli.

Un altro monumento di pietra, un tumulo gigante che pesa più di 60.000 tonnellate, è stato scoperto di recente sotto le acque del Mar di Galilea. La sua data è sconosciuta, ma come la struttura a forma di mezzaluna, si trova vicino a Bet Yerah.

Il lavoro di Wachtel presso il monumento a forma di mezzaluna è stato condotto come parte del della sua tesi di dottorato.

Oggi, persone che vivono nella zona chiamano il monumento con il suo nome arabo, Rujum enNabi Shua’ayb, ed è a volte indicato come il Jethro Cairn “, un riferimento al profeta druso Jethro, che svolge un ruolo importante nel folklore locale.

Commento di Enrico Galimberti

Nella nostra costante attenzione verso le nuove scoperte vogliamo continuare a offrire collaborazione a storici e archeologi i quali non hanno mai smesso di portare alla luce nuovi monumenti a volte già visti altrove, a volte misteriosi.

E’ nostro interesse divulgare e aiutare nella divulgazione di scoperte e studi nuovi, che possano dare stimolo e nuovi spunti per il lavoro di ricomposizione del puzzle della conoscenza.

Se siete storici o archeologi o studenti, scriveteci per segnalare scoperte o nuove (o vecchie) teorie.