ESCLUSIVO Nostradamus: La cometa Ison ed il compimento del dramma umano

© Luciano Sampietro in esclusiva per Acam.it – RIPRODUZIONE VIETATA

cometa-ison-2013Il 28 novembre 2013 farà la sua comparsa in cielo, visibile ad occhio nudo, la cometa Ison, che secondo gli  astronomi costituirà uno spettacolo senza precedenti che ci accompagnerà fin dopo Natale.

Il corpo celeste, infatti, sarà di magnitudo impensabile e dovrebbe essere addirittura più luminoso della Luna.

Attendevo l’arrivo della cometa da un paio d’anni e sapevo che essa non avrebbe potuto tardare ulteriormente, in quanto la cronologia sottesa all’opera di Nostradamus, da me scoperta e definita fino alla data del suo compimento (2 giugno 2025), ne conclamava ineluttabilmente l’arrivo.

Alla cometa fanno riferimento alcune quartine, delle quali tre sono contenute nella centuria seconda:

II, 41:

  • La gran stella sette dì brucerà,
  • La notte farà due soli apparire,
  • Il gran mastin tutta notte urlerà,
  • Quando gran papa muterà suo dire.

II, 43:

  • Quando apparirà la stella chiomata,
  • Tre gran capi saran in disaccordo,
  • La pace in terra dal ciel folgorata,
  • Po, Tevere, gonfio, serpe sul bordo.

II, 62:

  • Mabus morrà, poi improvviso verrà
  • Di gente e bestie un orrendo macello:  
  • poi tutt’un tratto vendetta verrà,
  • cento, man, sete, fame, cometa in cielo.

Come ho avuto modo di chiarire più volte, le quartine sono messe nell’opera alla rinfusa e non seguono alcun ordine cronologico, per cui l’ordine che riterrei di seguire pone in testa la quartina II, 62.

La II, 62, a mio giudizio fa riferimento a Usama (questa è la corretta scrittura del suo nome) bin Laden, dove Mabus costituisce anagramma di Usam(a) b(in).

Come è noto Bin Laden fu ucciso a seguito di un intervento americano in Pakistan.

A causa di questa uccisione vi dovrebbe essere un nuovo attentato presumibilmente negli Stati Uniti, in esito al quale interverrebbe una violenta reazione militare con centinaia di vittime.

Ciò dovrebbe avvenire in concomitanza con l’apparizione in cielo della cometa.

Comunque sia, come si può ricavare dalla II, 43, durante questa apparizione sorgerà tra  tre grandi della Terra (U.S.A.. Europa e Russia) un insanabile contrasto, determinato dalla reazione americana (la pace in terra dal Ciel folgorata: come ho avuto modo di scrivere altre volte, con il termine cielo Nostradamus suole indicare gli U.S.A. a causa della loro bandiera).

In quei giorni, a causa delle piogge, il Po e il Tevere registreranno una pericolosa piena e proprio in Roma, Satana (il serpente), troverà comodo albergo.

Si giunge così alla quartina II, 41, che descrive la cometa e le sue dimensioni: tanto grande e brillante da sembrare un secondo sole. Durante l’apparizione della cometa l’attuale Pontefice “cambierà di territorio”  (così testualmente la quartina in francese). Tale mutamento, a mio giudizio, concernerà il piano religioso e della fede e dovrebbe iniziare così quella rivoluzione religiosa in seno alla Chiesa Cattolica che sarà foriera di gravissimi turbamenti nel nome di un’impossibile unificazione di tutte le religioni in un unico credo che con la nostra Fede avrà ben poco da spartire e che farà urlare di dolore e rabbia San Michele Arcangelo (le grand mastin = le grand Saint M.), che, come è noto, ha il compito di difendere la fede in Dio dalle orde di Satana.

Si realizzerà così la profezia contenuta nella quartina I, 4:

  • Dall’Universo si farà un monarca,
  • che in pace e in vita non sarà assai tempo:
  • Si perderà allor del pescator la barca,
  • che sarà retta nel più gran tormento.

Chiesa Cattolica significa, come è noto, Chiesa Universale e pertanto con il termine Universo il Veggente allude ad essa anche in considerazione dei versi successivi: la barca del pescatore Pietro è sempre identificata con la Chiesa e l’attuale Pontefice, ultimo della serie secondo la profezia di Malachia, dovrebbe dunque incarnare quel “monarca”.

La stella cometa, dunque, segnerà il tempo dei tragici eventi che preludono alla comparsa sulla scena politica mondiale dell’Anticristo, che probabilmente si presenterà come un negoziatore si pace dopo la gravissima crisi che interverrà in questo scorcio di anno.

Sarà una persona, giovane, bella, colta e dotata di grande carisma, apparentemente buono e pio, ben accetto da tutti, gran parlatore e affabulatore e la sua venuta è così descritta dal Veggente nella quartina X, 71:

  • Terra,  aria geleran gran acqua assai,
  • quando verran per Giudeo a venerare,
  • chi bel sarà più di quant’altri mai,
  • dalle quattro parti si verrà ad onorare. 

Del resto, per combattere Dio sul terreno dell’umanità è evidente che Satana non può che usare di mezzi accattivanti, ammaliatori, apparentemente saggi e pregni di spiritualità, magari capaci anche di prodigi, come scrive Giovanni nell’Apocalisse.

Questa è la funzione anche dell’opera di Nostradamus, mettere in guardia gli uomini dai pericoli rappresentati da persone che appaiono dotate di grande umanità e comprensione, ma che celano invece dentro di sé un diabolico disegno di distruzione spirituale e materiale.  Lo svelare gli eventi prima del loro accadimento consentirà così a molti di comprendere la via giusta da percorrere in un cammino che si presenterà estremamente doloroso, ma che alla fine porterà a quel regno del Sole, profetizzato da Nostradamus e cioè il perfetto regno di Dio.