San Nicola e la stirpe degli Artù

di Andrea Romanazzi

Spesso,la ricerca e la conoscenza partono da molto lontano,da luoghi che spesso sembrano culturalmente diversi, ma che in realta’ hanno piu’ punti in comune di quello che si possa pensare. E’ proprio seguendo questo invisibile filo d’Arianna che lega tra loro civilta’ che sembrano molto distanti ,che viaggeremo,come novelli Ulisse,verso le sponde fiabesche dei miti celtici per poter poi interrogarci su un bassorilievo molto vicino a noi , il bassorilievo della “Porta Dei Leoni” della Basilica di San Nicola . Ancora oggi, per i turisti che giungono a Bari , la Basilica di San Nicola e’ una tappa obbligata , come lo fu in passato per tantissimi pellegrini cristiani che attraversavano la Puglia e percorrevano le sue vie , la Francigena e la “via sacra longobardorum” per portarsi da Oriente verso Roma e Compostela o viceversa , per raggiungere Costantinopoli e la Terra Santa.

Bari cosi’ diventa nodo cruciale per i collegamenti tra Oriente ed Occidente , tra la chiesa ortodossa e quella cristiana. Ma un’altra cultura , un’altra religione si stava affacciando in quegli anni nella “polis” barese. Infatti nella prima meta’ del IX sec. si iniziano ad avere notizie di insediamenti mussulmani in Puglia. Verso il 853 , Bari era governata dal mussulmano Mufarrag ibn Sallam che si preoccupo’ di costruire nella citta’ una moschea , ancora oggi non ancora trovata.La costruzione di questa opera porto’ nella citta’ una serie di maestranze arabe i cui influssi si posson notare ancora oggi nella Basilica Nicolaiana.La presenza araba duro’ solo pochi anni , ma lascio’ nel tessuto della citta’ forti influenze non solo a livello architettonico, ma anche politico e culturale.

Tracce del mondo arabo le troviamo dunque nella stessa basilica, sul fianco destro della famosa porta dei leoni , di cui riparleremo in seguito ,notiamo come lastra di reimpiego,un sepolcro anonimo di classica fattura araba o ancora l’intreccio rappresentante il Monogramma di Allah all’interno del mosaico presbiteriale.

Bari diventa citta’ “trait d’ Union” tra Oriente e Occidente , tra la “regula latina” ,quella orientale o “attica” e il mondo arabo “fulcro” di quel “movimento” di pellegrini e guerrieri che oggi definiremmo crociata , termine anacronistico gia’ che si inizio’ ad usare solo verso il 200-300 , e che in realta’ veniva comunemente definito con “iter”,”auxilium” ,”succursum” o infine “passagium” .Per questa Bari multietnica , dunque , non bastava una classico Santo Patrono , ma una figura carismatica che virtualmente unisse i due mondi , Occidente ed Oriente , appunto San Nicola.

Fu cosi’ che nel 1087 un gruppo di 62 marinai guidati da alcuni sacerdoti si recarono a Myra ove , da un pozzo pieno di uno stranissimo liquido ,quella che poi sara’ definita la Manna , prelevarono parte delle ossa di San Nicola per portarle ,come venerate reliquie , nella citta’.Le ossa furono cosi’ poste temporaneamente nella chiesetta di Santo Stefano e successivamente nella Basilica costruita proprio sull’area del Catapano , sede del governatore bizantino del Thema di Longobardia.

Numerose sono le leggende legate al Santo, e tutte legate alla facolta’ di Nicola di Myra di produrre abbondanza.Una di queste racconterebbe di tre giovinette poverissime che erano destinate a prostituirsi , il Santo le salvo’ dal loro destino infausto portando loro , dalla finestra , tre sacchi di monete d’oro.Si narra , poi , che il vescovo di Myra regalasse cibo e vestiti alle famiglie piu’ povere portando tali doni attraverso i camini. Nasce cosi’ una nuova figura del santo , questi diventa colui che dispensa doni ,compito per il quale divenne famoso in tutta Europa e che eseguiva tradizionalmente il 6 Dicembre e che poi fu spostato nella notte di Natale.E’ proprio da una corruzione del nome di San Nicola che nascera’ la leggenda di Babbo Natale o Santa Claus.

Questa caratteristica del santo , forse , potrebbe essere legata alla tradizionale manna che si produce dalle sue ossa e che nell’immaginario collettivo lega la figura di Nicola ai “doni”.

Si puo’ cosi’ notare come la Basilica nicolaiana diventa veramente centro di commistione di molte religioni apparentemente slegate tra loro , unione tra il mondo trascendente occidentale , il mondo del Demiurgo , e quello immanente orientale. Attorno a tutte queste strane simbologie e leggende ecco nascere diverse ipotesi ortodosse ,una di queste ,sostenuta da alcuni studiosi , e’ che la traslazione delle ossa del santo non fosse altro che una copertura ,voluta dal Papa Gregorio VII per il recupero di qualcosa di molto prezioso , una reliquia che avrebbe potuto aiutare gli eserciti cristiani contro gli “infedeli” e che si trovava nella mitica Sarraz ,luogo impossibile da situare storicamente o geograficamente .Di esso si diceva che non fosse in Egitto, ma “vi si vede da lontano il Grande Nilo”, situato in Medio 0riente e luogo dal quale “ebbero origine i Saraceni” . Questa “poderosa” reliquia altro nn era che il Graal , la “scutella” che poteva infondere novella forza agli eserciti crociati che partivano dal porto della citta’ per combattere gli infedeli , e non a caso , appunto , la prima crociata fu organizzata proprio a Bari da papa Urbano II.

Ma cosa e’ il Graal? Difficile definire in poche parole un “qualcosa” che ha fatto versare fiumi d’inchiostro dal medioevo ad oggi. Per alcuni sarebbe la coppa dell’ultima cena e dove fu raccolto il sangue di Cristo , secondo altre ipotesi il termine Graal proverrebbe da Sang Real , cioe’ non meglio definita dinastia derivante proprio da Gesu’ , per altri esso ricorderebbe il calderone celtico di Dagda dal quale , poi, furono forgiati 7 coppe piu’ piccole. In realta’ esso potrebbe essere sia un oggetto materiale che immateriale , simbolo di una antica religione ctonia che appunto usava la “coppa” Come metafora del “ventre materno” della dea Terra , e successivamente metafora della Vergine Maria , come si puo’ notare anche nella Litania di Loreto ove si dice ” vas spirituale , vas honorabile , vas insigne devotionis”. Tale simbologia e’ anche legata alla lancia di Lug , che potremmo paragonare a quella di Longino , di cui , proprio a San Nicola , vi e’ una copia. Infatti la coppa e la spada si unirebbero nel ricordo di quel culto unico , il culto della madre Terra : l’elemento femminile , e del Sole: l’elemento maschile , appunto rappresentato in questa simbologia dalla spada , e macroscopicamente , tra le civilta’ megalitiche , con l’erezione del menhir , la “roccia” conficcata nel ventre materno della terra bruna. La cerca del Graal sarebbe cosi’ sia ricerca dell’oggetto materiale , ma anche ri-cerca o ri-scoperta di questo antico culto da esso simboleggiato.

Come segno tangibile di questa ricerca ecco sul archivolto della famosa “porta dei Leoni” della Basilica , rappresentato scene del ciclo arturiano.In realta’ il problema che sorge e’ che questo Rex Arturius rappresentato e’ di gran lunga antecedente alla diffusione in Italia della “Materia di Bretagna” , e non e’ l’unico caso.

Infatti un altro Re Artu’ e’ rappresentato nel mosaico pavimentale della Cattedrale di Otranto mentre combatte contro uno strano felino che ricorda “gatto Lupesco” , anonimo poeta siciliano che “canta” il mitico re , e in quella di Modena. Inoltre ben prima dei miti Arturiani , il tema della “spada nella roccia” che simbologicamente richiama fortemente quello cui abbiam accennato in precedenza, lo troviamo a Chiusdino , nella Abbazia dedicata a San Galgano. La simbologia della “spada nella roccia” si lega al mito del Graal. per alcuni lo stesso Graal , non sarebbe una coppa , bensi’ una pietra , quella che Wolfram von Eschernbach definisce nel “parzival come “lapis exillis” , ancora per molti termine derivato da Lapis ex coelis e dunque pietra caduta dal cielo , definizione che legherebbe ancor di piu’ quei due culti che apparentemente sembrerebbero separati :Cielo e Terra.

Una conferma di quello che stiam dicendo la troviamo in Frigia , ove , per esempio, Cibele era adorata sotto la forma di Pietra Nera che si riteneva caduta dal cielo.Ed ecco , dunque , che per rispondere alle questi anacronismi dobbiamo tornare alla “materia di Bretagna” e alla figura di re Artu’.Molto si e’ discusso sull’origine etimologica del nome Artu’, esso potrebbe derivare dai termini celtici ART , roccia , o ARTH GWYR , uomo orso. Lo stesso nome , dunque sembrerebbe legare il mitico personaggio alla “pietra” e al suo culto. Artu’ fu citato come personaggio storico solo nel X secolo d.C., ma le tradizioni lo portano indietro fino al V VI secolo. Per alcuni studiosi , il sovrano sarebbe un personaggio ispirato a Cu Chulainn , protagonista di poemi epici irlandesi e il nome potrebbe derivare dal latino Artorius  un “Comes Britanniarum” , ovvero un rappresentante locale dell’Impero Romano e quindi piu’ che un nome reale rappresenterebbe un titolo .Nel 600 nel poema epico Gododdin, in un interessantissimo passo si narra di un un guerriero che ” forni’ cibo ai corvi presenti sui bastioni senza essere un Artu'” .Che significa questa frase?Esisteva piu’ di un Artu’? Se cosi’ fosse cio’ giustificherebbe alcune contraddizioni temporali che caratterizzano il re celtico.Si potrebbe cosi’ pensare che il termine Artu’, nato da un primo mitico re, fosse un titolo che veniva preso da tutti i suoi successori, un po’ come il titolo di Cesare per i romani.Questo giustificherebbe le varie discrepanze di tempo che vi sono su tale figura ,anzi, poiche’ re Artu’ venne legato alla mitica impresa di recupero del graal ,una intrigante idea potrebbe essere che tutti quelli che erano designati a tale missione prendessero tale titolo.

Cosi’ nasce una affascinante idea: nel 1087 un drappello di 62 cavalieri , guidati da un Artu’, si mettono in viaggio da Bari verso la mitica Sarraz per recuperare le ossa del Santo Custode del Graal ,e la cui impresa memorabile fu per sempre immortalata in un archivolto della stessa basilica costruita per ospitare le ossa del santo , per ricordare ,se mai ce ne fosse il bisogno ,che non e’ il nome di un uomo che si conserva nella memoria storica ,ma le sue imprese.