Scie chimiche

DAL CENTRO RICERCHE LEONARDO DA VINCI DI COSENZA

Del fenomeno delle scie chimiche o Chemitrails già qualcuno si era interessato alla sua fenomenologia qui in Italia , ma personalmente ho preso maggior coscienza del fenomeno dopo aver letto un eccellente servizio apparso su Nexsus, che ne ha illustrato con una succinto ma dettagliato servizio il fenomeno, per certi versi nuovo per l’ Italia, ma non nuovo per altri paesi del globo, tra cui gli Stati Uniti, e non poteva essere diversamente.

Le informazioni in merito alle scie chimiche, non sono complicate o irreperibili, anzi per chi dispone di un PC e una connessione ad Internet scoprirà davvero tanto su di esse , e rimarrà forse un po’ sbigottito dalle informazioni che ne trarrà. Notizie delle scie chimiche giungono dagli Stati Uniti già nel 1996 ma ci si può arrivare anche al 1995, in quanto il fenomeno circoscritto era non ben identificato.

I ricercatori che hanno avuto la costanza di perseguire nelle osservazioni e nelle ricerche , sono ancora una volta scivolati sul Cover Up che da decenni intralcia la strada alla libera informazione, chiedendo informazioni ufficiali o ufficiose agli organi competenti, di contro le risposte sono sempre le solite: le scie non sono che il risultato di condensazione degli scarichi degli aviogetti, per lo più composti di acqua e ghiaccio, e che le presunte forme che le stesse assumono nel cielo non sono altro che i venti che ne condizionano le loro evoluzioni!!

Queste stesse fonti tacciano di “fantasiosi paranoici delle cospirazione” ma ce chi è certo che queste spiegazioni non rispecchiano la verità, ma non sarebbe mica la prima volta!! Ce da rilevare che intorno a questo problema vi è una sorta di apparente disinteresse , difatti anche la nostra stessa associazione non raccoglie spunti interessanti dalle persone , nessuno si pone domande su cosa siano quelle striature bianche che solcano i cieli, ma forse questo dipende dalle scarse informazioni che vengono trasmesse ai media stessi, che risultano completamente disinformati su quello che succede intorno a loro.Cercheremo di illustrare quelle che sono le informazioni raccolte da molte ore passate a leggere e a ricercare direttamente su questa fenomenologia, constatando che anche dalle nostre parti il fenomeno delle chemitrails è presente. Le scie si possono osservare bene durante le belle giornate con cieli terzi limpidi, o con pochissime nuvole, qui si osservano aviogetti che passano a volte normalmente lasciando scie dietro che si dileguano quasi subito, negli altri casi invece vi è il passaggio di aerei che queste scie le lasciano ben visibili nel cielo!! Queste al suo passare non si disperdono nell’aria, anzi assumono una conformazione ad espansione cioè dalla scia dritta e bianca latte , questa diventa una scia più tenue nel colore ma allargandosi centralmente, spesso unendosi ad altre scie presenti o mescolandosi con corpi nuvolosi.Si è notato che l’apparizione di una o più scie porta nei minuti a seguire anche un repentino cambiamento del cielo con una presenza nuvolosa a strati che prima non c’era! Alcune persone hanno raccontato che dopo un po’ di tempo dalla apparizione delle scie a volte segue una irrorazione di pioggia. Di queste particolari formazioni nei cieli ne sono state osservate parecchie e nelle forme più disparate: parallele,ics,a griglia, a croce, curve,con più evoluzioni, e nel giro di alcuni minuti il cielo soprastante cambia, creando come abbiamo detto formazioni nuvolose a strati, rendendo il cielo un bianco latte. Una domenica di settembre ho notato intorno le 18,00 il passaggio di 6 aviogetti da Nord a Est tutti rilasciante queste scie e tutti a distanza di un paio di minuti l’uno dall’altro, e su Cosenza città sempre intorno le 18,00.

Di martedì, due aviogetti si incrociarono formando una ics perfetta…..come voluta…possono sembrare sciocchezze specie per chi non ha mai letto niente in materia, ma un po’ come è successo a noi, dopo alcune interessanti letture, forse qualche dubbio inizierà a far capolino nella vostra mente. Ci sono molte ipotesi del perché ci siano queste irrorazioni nei cieli, una delle più ricorrenti che abbiamo letto su diverse riviste e siti che trattano con interesse la questione e che le scie siano in relazione con forme influenzali, questo, viene riportato, anche da alcuni centri di controllo della malattia negli USA che definirono alcune di queste forme influenzali  come dovute ad “agente patogeno sconosciuto” e i risultati di analisi ove veniva riscontra una forma influenzale, nei test specifici questi risultavano esenti dal virus! Ipotesi? Supposizioni? Può essere, ma pensate se invece fossero risultanze sconosciute ma vere, allora?

Purtroppo ci siamo resi conto che anche questa fenomenologia da parte dei canali di informazione ha subito una immediata denigrazione, ma sicuri che siano solo teorie? o “fantomatiche” storie che trovano terreno fertile su Internet? o come “paranoici della cospirazione” insomma dobbiamo solo stare a guardare e non chiederci mai il perché di niente, vivere alla meno peggio e far fare a chi vuol fare quello che gli pare!! Una sintesi credo perfetta! Fortunatamente non è così, e penso che ognuno di noi abbia almeno la libertà di pensare, leggere, scrivere senza offesa si intende! Quello che vuole, o non è cosi? Da parte nostra ogni ricerca nuova o datata che sia ci prende e ci affascina, e vorremmo almeno poterne capire meglio il suo evolversi, e lo stiamo facendo anche per questi fenomeni e dalle nostre parti, relazionandoci,facendo foto,interviste o altro che sia utile a capire che ce di vero e cosa no, ma essere liberi di poterlo fare, senza avere nessun condizionamento, specie quello di una cattiva informazione. Dilungarci su questo argomento in una fase di studio e per noi prematuro, acquisendo maggiori informazioni e materiale da proporre sarà più soddisfacente anche per chi ci segue, quindi evitiamo saturazioni!!! Per chi è stato “preso” da queste nuove informazioni su questa fenomenologia, forse quando guarderà il cielo da oggi oltre a stelle cadenti, meteoriti, e Ufo…

Bè avrà dalla sua anche le nostre “amatissime” scie!!!.